SEMPRE PIÙ BELLA

Bergamo in questi ultimi cinque anni è diventata più bella. In concomitanza con il loro riconoscimento nel Patrimonio mondiale dell’Unesco, abbiamo dedicato molte energie alla manutenzione e alla pulizia delle Mura, per alcuni tratti riportando alla luce ciò che decenni di incuria avevano sottratto alla vista e alla fruizione pubblica.

Abbiamo poi investito molto sugli spazi pubblici, rinnovando ben sette piazze della città (Piazzale Marconi, Piazza Pacati, Piazza Carrara, Piazza Risorgimento, Piazzale Alpini, Piazzetta S.Lucia e Cittadella), in alcuni casi sulla base di progetti selezionati attraverso concorsi internazionali.

 

 

Abbiamo riqualificato oltre 10 mila mq di edifici di proprietà comunale, tra cui:

  • l’ex Convento di Sant’Agostino, destinato all’Università di Bergamo;

  • il Complesso del Carmine e Sant’Agata, grazie al TTB e alla Coop Città Alta;

  • l’ex Convento del Galgario, grazie alla Caritas, per ampliare il dormitorio;

  • Il Teatro Donizetti, grazie a contributi pubblici e privati per 18 milioni.

E abbiamo infine investito oltre 6 milioni di euro per la creazione e la riqualificazione di parchi e giardini, realizzando 15 interventi in 12 quartieri.

Su questa linea ci muoveremo anche nei prossimi anni.

 

 

7.1 Spazi pubblici: centro più curato e un progetto per ogni quartiere

 

Per ciò che riguarda il centro, è imminente l’avvio del cantiere per la sistemazione del Centro Piacentiniano, a partire dall’esito del concorso internazionale di progettazione, integrata con la riqualificazione dell’ex Diurno. Intendiamo anche rinnovare piazza della Repubblica.

Dopo via Tiraboschi, che abbiamo voluto più bella per ampliare l’area centrale del passeggio e dello shopping, continueremo l’opera di riqualificazione delle vie centrali, a partire dall’area delle Cinque Vie, dove ci concentreremo su via Zambonate, via S.Bernardino, via Broseta e via S.Lazzaro.

 

Vogliamo poi avviare un progetto per rendere più bello ogni quartiere, e in particolare proseguire il lavoro sugli spazi pubblici, per trasformare in piazze quelli di diversi quartieri: Celadina, Malpensata (con la creazione di una “piazza” nella parte terminale di via Furietti, unitamente alla sistemazione del polo civico), Colognola, Boccaleone, Campagnola, Valtesse Sant’Antonio e San Tomaso.

Prevediamo il completamento del progetto di miglioramento degli spazi pubblici di Santa Lucia, con la saldatura dell’area dell’attuale Campo di Marte al giardino del Centro sportivo Italcementi, andando così a creare un unico grande parco attrezzato pubblico cittadino.

 

 

 

7.2 Nuovi spazi per la cultura

 

Anche nei prossimi anni lavoreremo per creare nuovi spazi per la cultura, recuperando o riqualificando immobili di pregio oggi degradati o poco utilizzati. Prevediamo:

  • l’attuazione del progetto di recupero di Palazzo della Libertà come contenitore di spazi culturali pubblici, per cinema, mostre ed eventi di diverso genere, anche in relazione con il progetto Cantiere Novecento promosso dal Museo delle Storie;

  • la trasformazione del Palazzetto dello Sport a nuova sede della Gamec, a rafforzare l’Ambito della cultura, dell’arte e del tempo libero;

  • la valorizzazione del Castello di San Vigilio;

  • la creazione di nuovo polo culturale per i giovani all’ex centrale elettrica di Daste e Spalenga.

Proseguiremo poi nell’attuazione del Piano di manutenzione programmata delle Mure Veneziane, in collaborazione con Orobica Ambiente e in sinergia con i necessari interventi di consolidamento strutturale in capo al Demanio. Saremo a fianco della Fondazione Bergamo nella Storia per l’attività di valorizzazione delle Mura, che prevedono anche l’allestimento di un’esposizione permanente nella Sala dei Giuristi, accanto al Museo del Cinquecento.

 

 

 

7.3 Il ruolo del verde pubblico

 

Un ruolo fondamentale per aumentare la qualità ambientale e la fruizione dello spazio urbano toccherà al verde pubblico.

Da questo punto di vista nei prossimi cinque anni ci prefiggiamo:

– la realizzazione di quattro nuovi parchi urbani: il Parco-Ovest a vocazione naturalistica, il nuovo grande Parco urbano attrezzato a Porta-Sud, il nuovo Parco Goisis, il Parco “a bosco” sopra il parcheggio di via Fara, il cui progetto è stato affidato ad un grande paesaggista, con collegamento pedonale a Piazza Mercato del Fieno.

A questi si aggiunge l’ampliamento del Parco della Malpensata con la creazione di un urban skate-park. Per ogni parco già esistente si provvederà a individuare a definire il ruolo e il target prevalenti;

– coinvolgimento della manifestazione “I Maestri del Paesaggio”, attraverso la Summer School, per la valorizzazione dei parchi della città;

– il raddoppio degli orti urbani e il recupero degli orti storici di S. Tomaso in connessione con il Parco Suardi, che sarà completamente riqualificato;

– un grande intervento di manutenzione del verde nei quartieri della città (parchi/giardini, viali urbani, con rinnovo delle attrezzature, incremento del patrimonio arboreo e abbellimento delle aiuole) programmato nei 5 anni per gruppi di 5 quartieri all’anno;

– la riqualificazione di via Autostrada con la creazione di un viale urbano alberato con percorso ciclabile e in connessione con i quartieri Carnovali e Malpensata;

– la riqualificazione della sede dell’Orto Botanico in Colle Aperto con la realizzazione della nuova serra e il restauro della polveriera da destinare a sala polivalente per attività di educazione ambientale.

 

 

 

7.4 Una città pulita

 

Pensiamo infine che la città, per essere ancora più bella, debba essere anche una città davvero pulita: abbiamo quindi chiesto ad Aprica, la società che per il Comune si occupa della pulizia di strade e marciapiedi, di potenziare il servizio e di creare un “pronto intervento” per le emergenze. Ci impegneremo inoltre, con campagne di sensibilizzazione e con attività di controllo ed eventuali sanzioni, per ripulire i marciapiedi dalle deiezioni canine e dai mozziconi.