fbpx
Giorgio Gori
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

LAVORI AL RONDO’ DELL’AUTOSTRADA

Play Video

Pur non essendo di competenza del Comune, abbiamo fatto pulizia e l’abbiamo reso il rondò dell’Autostrada finalmente (quasi) presentabile.

Il rondò è il primo incontro con Bergamo, appena passato il casello, e non si può dire che sia il nostro miglior biglietto da visita. E’ stato progettato male, ed è luogo di frequenti code e incidenti. In più, da molti anni è stato lasciato nella più totale incuria, mitigata solo da qualche intervento della Provincia nella porzione di sua proprietà. In quella privata è cresciuta una selva oscura nella quale chiunque ha ritenuto di poter gettare rifiuti di ogni tipo o praticare traffici di varia natura. Bene: tutto questo è stato ripulito; anzi lo sarà in modo completo entro sabato 11, visto che ancora dobbiamo tagliare l’erba sulla fascia esterna (lo faremo sabato 4 con l’aiuto della Polizia Locale) e lungo le rampe. Al centro dell’area resta un fabbricato cadente, una vecchia fabbrica di porte blindate, di proprietà privata, ed è probabile che debba essere espropriato e demolito allorché finalmente potremo intervenire sulla sistemazione viabilistica del rondò: per questo sono stati stanziati 25 milioni di euro – che abbiamo voluto fossero inseriti nel Patto per la Lombardia firmato dal governo Renzi – e Infrastrutture Lombarde sta lavorando sul progetto: sarà finalmente l’occasione per rendere il rondò più sicuro e il traffico più fluido. Nel frattempo però questa “pulizia di primavera” ci voleva proprio! 
Voglio ringraziare i tecnici e gli operatori di Aprica, che come sempre hanno fatto un lavoro eccellente, e i 20 ragazzi dell’Accademia per l’Integrazione – i nostri richiedenti asilo impegnati nel programma volontario di formazione e lavoro – che hanno dato un grande aiuto per ripulire l’area.