fbpx
Giorgio Gori
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Bergamo #SemprePiùSostenibile

Una città sempre più verde e sostenibile, con una grande cintura integrata nel parco dei Colli a sud, 20mila alberi in più, riduzione di plastica e CO2

Bergamo durante il mandato amministrativo 2014-2019 ha raggiunto importanti traguardi in materia ambientale, con la piantumazione di oltre 9000 alberi, investimenti su parchi e aree verdi per oltre 6 milioni di euro, la raccolta differenziata dei rifiuti oltre il 72%, grandi passi avanti in tema di mobilità elettrica e un’illuminazione pubblica più efficiente e meno inquinante.

Vogliamo proseguire in questa direzione e rafforzare il nostro impegno puntando su tre progetti che riteniamo strategici: la grande cintura verde, il piano di adattamento ai cambiamenti climatici, la crescita della raccolta differenziata e il nuovo centro del riuso.

Vogliamo innanzitutto realizzare una grande cintura verde che abbraccia a sud la città collegandola e integrandola nel Parco dei Colli, che sarà ulteriormente ampliato per una superficie totale di circa 550 ettari. Un progetto che mette in sicurezza le ultime aree verdi rimaste in città confermandone la vocazione a verde agricolo e a verde pubblico e che sarà l’asse portante del nuovo Documento di Piano del PGT.

L’inserimento nel Parco dei Colli garantirà, inoltre, una più efficace azione di valorizzazione di queste aree oltre che rappresentare un’importante opportunità per lo sviluppo delle attività agricole a supporto del sistema alimentare della città (il cosiddetto km0) in linea con i principi della Carta di Milano sulla Food Policy sottoscritta dal Comune di Bergamo nei mesi scorsi.

La redazione di un vero e proprio Piano del verde consentirà, infine, di connetterla al sistema del verde di quartiere creando un’infrastruttura verde senza soluzioni di continuità (come tipicamente avviene per la viabilità) che si integrerà al sistema della ciclabilità e più in generale della mobilità dolce con evidenti benefici sotto il profilo paesaggistico, ambientale e della salute pubblica. In questo contesto si colloca, oltra all’ampliamento del Parco della Malpensata, anche la previsione di quattro nuovi parchi urbani: il Parco-Ovest a vocazione naturalistica, il nuovo grande Parco urbano attrezzato a Porta-Sud, il nuovo Parco Goisis, il Parco “a bosco” sopra il parcheggio di via Fara.

Ci impegneremo nella realizzazione di interventi e azioni che ci consentano non solo di ridurre le emissioni di CO2 (stop all’invasione delle oltre 60mila auto da fuori città, estensione della rete del teleriscaldamento e delle colonnine di ricarica elettrica, sostegno alla riqualificazione energetica degli edifici, messa a dimora di 20.000 alberi), ma anche di adattare la città ai cambiamenti climatici che ormai sono già in atto e che provocano non solo danni materiali, ma anche conseguenze negative al benessere e alla salute delle persone.

Si tratta di fronteggiare in modo più efficace ondate di calore, siccità, “bombe d’acqua”, riducendo al tempo stesso le vulnerabilità del territorio (utilizzo di materiali drenanti, riduzione delle superfici impermeabili, alberature per favorire il raffrescamento e limitare le isole di calore, programma di manutenzione dei corsi d’acqua).

Intendiamo inoltre ridurre il consumo di plastica, contrastando soprattutto l’utilizzo della plastica monouso, partendo dal Comune e dalle manifestazioni pubbliche per poi estenderlo al resto della città.

Vogliamo così raggiungere quota 80% di raccolta differenziata, lavorando anche per introdurre la tariffa puntuale, che prevede sconti sulla TARI per coloro che conferiscono al meglio i rifiuti domestici. Prioritaria sarà la realizzazione di una nuova piattaforma ecologica dotata di un moderno centro del riuso che sia in grado di intercettare tutto ciò che viene scartato (oggetti, vestiti, arredi, materiali, ecc..), di sottrarlo al ciclo dei rifiuti e quindi di riutilizzarlo prolungandone il ciclo di vita nell’ottica dell’economia circolare. Il censimento delle 570 coperture in amianto (che abbiamo realizzato con l’ausilio di droni) ci consentirà di fissare l’obiettivo Bergamo amianto free.

#SemprepiùBergamo #AbbiamoinProgramma #SemprepiùSostenibile